Funghi che passione

Caricamento Eventi

« Tutti Eventi

  • Questo evento è passato.

Funghi che passione

11 ottobre 2014 @ 12:30 - 16:00

Evento Navigation

Ci sono dei posti che, una volta provati, rimangono nel cuore.

Uno di questi è Taverna di Pian delle Mura al Vivo d’Orcia, un angolo dell’Amiata che avevamo da tempo voglia di provare nuovamente.

L’organizzazione della giornata, visto il tempo che abbiamo avuto durante l’estate e l’autunno, ha presentato qualche difficoltà: Luisa, una delle titolari, ha subito messo in chiaro che non avrebbe potuto garantire che avremmo mangiato funghi e che, piuttosto che servire qualcosa di non locale, avrebbero proposto un menu alternativo.

Per fortuna la nostra caparbietà è stata premiata, i gestori della Taverna ci hanno lasciato tutti i funghi che hanno recuperato durante la settimana e, debbo dire, che noi abbiamo gradito molto.

Dopo la presentazione da parte di Nadia che ha esposto la filosofia del locale, abbiamo assaggiato

Fantasia della Taverna

Fantasia della Taverna

Fico caramellato con prosciutto di cinta, Frittata con il verde del sedano, Pecorino del Az Agricola Casale con confettura, Strudel di verdure, Alici sotto pesto, Crostino con i fegatini, Rigatino di cinta senese e Vellutata di zucca

 

Zuppa di Funghi

Zuppa di Funghi

Un piatto ricco di una bella dose di porcini dell’Amiata sebbene questo autunno sia stato avaro di funghi

Tagliatelle con ragu di Vacca Maremmama

Tagliatelle con Ragu di Maremmana

Tagliatelle con Ragu di Maremmana

Tagliatelle finalmente di quelle casalinghe, con farina bio macinata a pietra, integralone dell’azienda podere lamone di Monticchiello con ragù di Vacca Maremmana presidio Slow Food

 

La proposta di Nadia, Umberto e Luisa per il secondo è stato il Roastbeef al funghetto, anche qui provenienti solo dall’Amiata, accompagnato dai fagioli bastardoni, un vecchio seme autoctono che ha coltivato il babbo di Nadia.

Roastbeef al funghetto e fagioli bastardoni

Roastbeef al funghetto e fagioli bastardoni

 

La mousse di marroni che avevamo in programma, vista l’estrema penuria della materia prima, è stata sostituita con Pera decana cotta nel brunello con cannella, chiodi di garofano e zucchero di canna.

Pere decane cotte nel brunello

Pere decane cotte nel brunello

Per finire il Giulebbbe, termine di etimologia araba che significa acqua di rose, un liquido rosato dall’aroma delizioso da servire in occasioni speciali.

Questo è quello che si diceva nei casolari di una volta. Liquore fatto con i petali della rosa canina, messi in macerazione in alcool e sostituiti con nuovi petali dopo una settimana si aggiunge poi lo zucchero e un po di fragoline di bosco per dare colore. Una vecchia ricetta della nonna di Luisa che rientra nel progetto della Taverna di rivalorizzare i sapori che stanno scomparendo.

DSC_8730 DSC_8738 DSC_8735 DSC_8728

Personalmente la Taverna è uno di quei posti che non hanno mai tradito le aspettative per quanto altissime, un posto dove ci si sente tra amici e che fanno stare bene, un posto che rende felici.

E proprio per questo in segno del nostro ringraziamento per una pranzo tanto piacevole, abbiamo regalato a Nadia, Luisa e Umberto una copia di “Un’idea di felicità” scritto da Carlo Petrini e Luis Sepúlveda

E grazie a Terry abbiamo anche un ricordo video

Dettagli

Data:
11 ottobre 2014
Ora:
12:30 - 16:00
Tag Evento:
, ,

Luogo

Teverna di Pian Delle Mura
Via delle Casine, 12
Castiglione D'orcia, Italia
+ Google Maps
Sito web:
www.tavernapiandellemura.it/